Home » I NOSTRI VINI » VINI BIANCHI » PETRIS – MALVASIA DOC COLLIO

“Pètris” Malvasia DOC Collio  VENDEMMIA 2019

≫ In abbinamento al sapore del mare di una sapida e croccante frittura di pesce, il palato dolce e fruttato della Malvasia “Pètris” diventa “poesia della terra”, come avrebbe detto il grande Mario Soldati.≪

Questo è il piacevole commento del giornalista Carlo Cambi, caro amico di famiglia, a proposito della nostra Malvasia.

Pètris” è il toponimo della zona nella quale si trovano i vigneti. Questo nome richiama con il suo suono anche la parola friulana per “pietra”, ovvero “piere”: la zona, infatti, è caratterizzata da un sottosuolo particolarmente roccioso, dal quale furono prelevate alcune pietre presenti ancora oggi nelle pareti della casa colonica dei Venica.

VITIGNO

  

Le origini della Malvasia Istriana in Friuli-Venezia Giulia risalgono ai tempi della Repubblica di Venezia, e precisamente al XIII secolo.

Si sostiene, infatti, che questo vitigno fosse tipico della penisola ellenica, in particolare di una città del Peloponneso esistente ancora oggi ed allora chiamata Monembasia o Monovaxia, il cui significato letterale è “porto con una sola entrata”, degenerato poi in Malfasia e italianizzato in Malvasia.

 

Nei territori dell’attuale Italia del Nord-est, a quel tempo parte della Serenissima, la quantità di vino prodotta non era sufficiente a soddisfare il consumo della popolazione, principalmente poiché le varietà presenti non erano particolarmente produttive. I Veneziani avrebbero quindi penetrato la regione peloponnesiaca trasportandone il vitigno della Malvasia, piuttosto redditizia come qualità, attraverso la Dalmazia, fino all’Istria e al Friuli.

 

I nostri vigneti della Malvasia si trovano all’interno del territorio della DOC Collio.

ALCOOL IN VOL.%  

14,0

ACIDITÀ TOTALE ‰

4,9

VITIGNO

Il Malvasia è prodotto in un vitigno DOC Collio. Si tratta di un uva a bacca bianca appartenente ai vitigni autoctoni tipici della Regione Friuli-Venezia Giulia.

VENDEMMIA

Le uve sono state raccolte e diraspate il 19 settembre 2019.

VINIFICAZIONE | AFFINAMENTO

In seguito alla raccolta le uve vengono macerate per circa 20 ore ad una temperatura di 10°/12° C in appositi contenitori, protette dall’ossigeno con sistemi innovativi mediante il riciclo della propria carbonica di fermentazione, al fine di ridurre l’apporto di antiossidanti.
Il mosto fermenta e affina sui lieviti per 5 mesi sia in grandi botti di legno da 20/27 HL (per il 60%) sia in contenitori di acciaio (per il 40%).

IMBOTTIGLIAMENTO

Il vino è stato assemblato ed imbottigliato in corrispondenza delle lune piene tra fine marzo e giugno 2020.

malvasia Doc collio

COLORE

Giallo paglierino intenso e brillante, tendente al dorato.

NOTE OLFATTIVE

Bouquet ampio e leggermente aromatico che spazia dalla frutta a polpa gialla (albicocca, pesca, susina), alle note aggrumate di pompelmo e scorza d’arancia, al tocco mielato tipico dell’acacia. Il tutto poggiato su una vena minerale.

NOTE GUSTATIVE

Notevole il perfetto equilibrio tra la consistenza morbida e cremosa, dovuta all’abbondante glicerina, e la vivacità e mineralità tipiche del vitigno. Complessivamente armonico e con l’alcool perfettamente integrato. La persistenza è lunga e su note aggrumate e floreali.

DA ACCOMPAGNARE CON

Antipasti di pesce, tartine e carni bianche. Straordinario con frittura mista di pesce, crostacei e crudità di mare.

TEMPERATURA DI SERVIZIO

 12/13°C

POTENZIALE DI INVECCHIAMENTO

oltre 10 anni